Tossine: precursori di tutte le malattie No ratings yet.

Tossine: precursori di tutte le malattie No ratings yet.

9505
10
QUOTA

Nel mio blog parlo spesso di tossine, questo articolo vi spiega cosa intendo per tossine, come evitare l’eccesivo accumulo di tossine nel corpo e come ristabilire una salute vera.

Il concetto primario dell’Igiene Naturale (o Igienismo) è che essere in salute è normale e naturale, la malattia, al contrario, non è normale, è innaturale e non é necessaria. Una salute perfetta risulta dall’osservanza di tutte le condizioni che promuovono la salute. 

È interessante osservare come nessuna scuola si basi sull’insegnamento delle condizioni di salute. Come se fosse considerata di cosí poca importanza e non degna d’investigazione. Tutte le scuole si basano sulle patologie – le malattie. Per poter individuare la causa delle malattie, dobbiamo prima capire le condizioni che provvedono per una salute perfetta. La salute è il risultato di una vita salutare e dipende solo da questa.

Gli elementi principali per una vita salutare e il benestare sono:

  • Aria pura
  • Acqua pura
  • Igiene (interna e esterna)
  • Dormire bene
  • Temperatura gradevole
  • Cibo puro e salutare al quale siamo biologicamente adattati
  • Luce solare sul corpo
  • Attivitá fisica vigorosa
  • Riposo e rilassamento
  • Gioco e ricreazione
  • Pace emozionale
  • Sicurezza della vita
  • Ambiente piacevole
  • Lavoro creativo e utile
  • Autocontrollo
  • Motivazione nella vita
  • Senso di appartenenza

La vera malattia: tossiemia e tossicosi
La malattia è un processo istituito dal corpo, solo il corpo puó formare le unitá, l’organizzazione, le risorse, l’energia per cominciare il malessere. Batteri e virus non hanno capacitá di comunicazione, non agiscono unitamente e non possono pertanto essere la causa principale delle malattie.

In fisiologia, malattia significa deviazione dal normale, ossia che il corpo ha deviato dalle sue funzioni regolari. Nello stato di malattia, il corpo ridirige tutte le sue energie, sottraendole dalle normali funzioni. Ci sono due tipi di malattia, la prima è costruttiva, la seconda è distruttiva.

1)      Il primo tipo di malattia è rimediativo/costruttivo e solitamente é chiamato malattia acuta.
2)      Il secondo tipo di malattia è cronico e degenerativo. È il risultato di danneggiamento organico durante il quale gli organi, i muscoli, le ossa o altre facoltá sono distrutte, distorte o irreversibilmente invalidate.
Se la malattia è rimediabile e reversibile (la maggior parte), la malattia è acuta e costruttiva. Se la malattia non puó piú retrocedere, è degenerativa. Molte malattie che si ritengono degenerative possono essere corrette dal corpo umano, reintroducendo le pratiche di vita salutare sopraindicate.

La malattia affetta tutto il corpo, non solo una parte. Non abbiamo una malattia qui o lí, tutto il corpo sta soffrendo, e la malattia serve al corpo in generale, non solo un organo o un’area. Ad esempio se scopriamo una malattia renale, non vuol dire che solo i reni sono ammalati, la malattia pervade tutto l’organismo, ma il corpo ha scelto i reni come suo punto focale degli sforzi eliminativi, il punto in cui il corpo ha deciso di eliminare i rifiuti tossici.

È solo il corpo che istituisce una crisi, chiamata malattia. Gli igienisti la chiamano “pulizie di casa” o crisi salutare. Il livello di vitalitá determina il tipo di crisi e il suo livello. Ad esempio, raffreddori in bambini sono molto comuni perché il loro livello di vitalitá è molto alto e il loro corpo si ribella immediatamente a livelli di tossicitá (ad esempio dovuti a latte vaccino, zuccheri in caramelle ecc.). Un anziano, invece, non sviluppa quasi mai un raffreddore – l’anziano possiede un livello di vitalitá basso, le tossine rimangono represse nel corpo, sfogando in malattie croniche, degenerative, o malattie “non sospette” che precedono una morte “inaspettata”, tumori e cancro.

Il corpo deve essere in uno stato di tossicosi prima di istituire una crisi. I batteri non possono “attaccare” e cominciare una malattia. I microorganismi sono incapaci di agire unitamente; di fatto non possono esistere o moltiplicarsi a dismisura se non trovano cibo (o meglio dire se l’ambiente non è favorevole), e cellule sane non sono cibo per batteri. Questa idea di “invasione” e “contagione” è erronea, i batteri a cui noi diamo la colpa delle nostre malattie sono con noi tutto il tempo! Il nostro corpo offre ospitalitá a miliardi di microorganismi nel nostro intestino, sulla nostra pelle, nella bocca e nel naso. Il corpo organizza una crisi in risposta al suo bisogno di liberarsi da tossine in eccesso e riparare i danni; ritira quindi energia dalle normali attivitá per ridirigerla alla crisi salutare.

Tossiemia definizione tratta dal libro del Dr. T. H. Tilden “Toxemia explained”– “Veleno nel sangue. Causa delle malattie, e quando le tossine si accumulano superando i livelli accettabili, una crisi prende luogo; significa che il veleno è eliminato. Questo processo viene nominato malattia, ma non lo é. L’unica malattia è la tossiemia e ció che chiamiamo malattie sono semplicemente sintomi prodotti da un’eliminazione indiretta di tossine attraverso le membrane mucose.“

La causa di ogni malattia in qualsiasi stato e progressione è tossicosi. Anche se tossicosi puó derivare da origini differenti, esiste principalmente perché il corpo non possiede energie in quantitá da poter eliminare rapidamente le tossine/veleno provenienti da origini esogene (al di fuori del corpo) e da rifiuti metabolici.

Ci sono sette fasi di evoluzione delle malattie:
1)      Enervazione
2)     
Tossicosi
3)     
Irritazione
4)     
Infiammazione
5)     
Ulcerazione
6)     
Indurimento
7)     
Cancro
Delle sette fasi scriveró in un altro articolo. Qui vorrei concentrarmi sul tema tossicosi.

Quando sostanze tossiche di qualsiasi origine saturano sangue e tessuti, il sistema linfatico e il fluido interstiziale, una condizione chiamata tossicosi esiste.

Le tossine provengono da due origini: endogene e esogene, ossia interne ed esterne.
Tossine endogene: come organismi viventi produciamo una quantitá tremenda di tossine. Generiamo una quantitá di anidride carbonica che potrebbe ucciderci in pochi minuti, se i nostri polmoni smettessero di funzionare. Miliardi di cellule muoiono giornalmente e sono rimpiazzate da nuove cellule, enzimi chiamati lisosomi fanno a pezzetti queste cellule per la conseguente eliminazione. Questi componenti si chiamano debridi/rifiuti. Altri componenti di cellule decomposte sono pezzetti di DNA e RNA. Questi sono tossici e si riferiscono come tossine quando sono nel corpo. Se queste tossine si accumulano, come, nei giorni nostri, nella maggior parte dei casi, una condizione di intossicazione – tossiemia e tossicosi – esiste. Questi debridi sono chiamati dagli scienziati virus e gli viene erroneamente attribuita intelligenza e vita, quando in realtá sono sostanze morte.
Tossine esogene: i tessuti e il sangue possono essere saturati da tossine di origine esterna, delle quali il corpo non riesce a disfarsi. Intossicazione occorre quando sovraccarichiamo il corpo con materiali tossici, quando non badiamo ai nostri limiti e lavoriamo in eccesso, riposiamo insufficientemente (vedi anche questo articolo sul riposo), o siamo soggetti a forte stress. Ad esempio situazioni stressanti, shock emozionale e traumi possono succhiare le nostre energie vitali molto velocemente. È come lasciare l’automobile accesa con tanto di radio e luci, la batteria non puó far altro che esaurirsi a poco a poco. Anche il cibo che mangiamo gioca un ruolo protagonisttossicosia nel sovraccarico di tossine: cibi cotti, additivi, proteine animali, zuccheri, alcool, stimolanti come caffè e tè, mala combinazione degli alimenti (vedi anche l’articolo sulle giuste combinazioni degli alimenti) producono una quantitá incredibile di tossine! Medicine, fumo e droghe accumulano grandi quantitá di tossine. L’aria che respiriamo, se inquinata, si aggiunge all’apporto di tossine.

Non esistono “cure”
La nozione che il corpo sia come una macchina che deve essere riparata da agenti esterni e che si rompe a causa di entitá invadenti, è erronea quanto obsoleta. La medicina di oggi è basata sulla concezione di “cura” e l’idea che bisogna prendere una “medicina” (o sottoporsi ad interventi) per ritornare in salute. I medici si prendono spesso vantaggio, inconsciamente o consciamente, delle paure dei clienti. Con parole pompose premiano il cliente per essersi presentato “in tempo” e assicurano che, se non avessero fatto qualcosa presto, si sarebbe messo in grave pericolo. Ad esempio, quando si scopre un tumore o un cancro. Il cancro non appare da un giorno all’altro ma è il risultato di 20-30-40-50 o 60 anni di mala conduzione di vita. Tutti possiedono un certo livello di residui cancerogeni nel corpo, ma questi diventano visibili solo in grandi raggruppamenti. Nel commercio medico (sí, perché è una vera e propria impresa), si prova a “sistemare” i sintomi, senza andare alla causa. Drogano, aprono, tagliano, cuciono, tolgono, purgano o propongono “piccoli interventi”, magari con il laser. Risolvono con trattamenti invasivi e deterioranti, che costano migliaia di euro, quando i problemi possono essere risolti in maniera piú semplice ed economica cambiando il proprio stile di vita e abitudini alimentari. Niente succede per caso nell’immensa intelligenza del corpo umano. Solo una guarigione interna, prodotta da meccanismi interni, puó risultare in salute. A meno che si discontinui la causa di questa intossicazione, il problema si ripresenterá di nuovo, anche in altre forme, anche piú seriamente. Iscrivendovi a questo blog imparerete le basi dell’igienismo, e due cose: 1) come rimuovere la causa di tutti i problemi e le malattie e 2) come stabilire le condizioni che promuovono e favoriscono la salute.

Le “cure” non forniscono le necessitá della salute. Non vi viene il mal di testa perché avete una deficienza di aspirina. Primo: tutte quelle sostanze, influenze e pratiche che creano tossicosi devono essere discontinuate. Secondo: è necessario ristabilire, secondo i propri limiti ed esigenze, gli essenziali della vita – aria pura, acqua pura, dieta corretta, luce solare, attivitá fisica, meritato riposo e rilassamento, pace emozionale ecc. L’industria medicinale esiste solo se le persone sono ammalate. Se le abitudini di una vita regolare e corretta fossero impartite, i pazienti starebbero meglio e la maggior parte del commercio andrebbe in banca rotta. Tutti sono a conoscenza del fatto che le malattie si moltiplicano a livello epidemico. Due miliardi di persone al mondo sono obese (la metá delle quali hanno sviluppato la condizione dopo il 1980), i nuovi casi di tumore sono in continuo aumento, ogni giorno si scoprono 1000 nuovi casi di cancro (in Italia). Mi pare stiano facendo un buon lavoro a mantenerci ammalati. Le medicine non “curano”, distruggono. Abbiamo l’idea che queste droghe siano magiche e che ristorino salute, quando non servono a ricreare tessuti e cellule. I medicinali sono chimici estranei al corpo e vanno pertanto eliminati, sono tossici e pericolosi. Il corpo deve ridirigere una grande quantitá di energia vitale dalla sua crisi salutare all’eliminazione di questi veleni, quando sarebbe meglio mettersi a letto, digiunare e riposare per qualche giorno. TUTTE le medicine sono tossiche e distruttive. Questo vale anche per quelle “erbe” dai poteri curativi. La ragione per cui “curano” è la stessa ragione per le quali non vanno utilizzate. Il corpo, e solo il corpo, puó ristabilire la salute.  E la prevenzione, è la sua arma piú efficace.

Prendiamo responsabilitá della nostra vita ora, miglioriamo le nostre abitudini alimentari, mangiamo piú frutta e verdura fresca, lasciamo carne, latte e i prodotti animali il piú possibile, riduciamo olii e prodotti raffinati, diciamo no a bevande gassate. La vita è un’esperienza gioiosa e meravigliosa, sentiamoci piú positivi, riduciamo lo stress 🙂

“Se le medicine portassero salute alle persone, allora la persona che consuma piú medicine di tutti dovrebbe essere la piú salutare”.

Per approfondimenti leggi il libro originale di Tilden, tradotto in italiano!

Se hai trovato questo articolo interessante clicca Mi Piace e condividilo con i tuoi cari!
Unisciti anche tu al Blog de ilDragoParlante, inserendo la tua mail in alto a destra, cosí da non perderti i prossimi articoli ed eventi! Connettiamoci anche sulla pagina Facebook e vediamoci sul canale YouTube de ilDragoParlante

Please rate this

10 COMMENTI

  1. Grazie Serena per questo articolo stupendo, mi chiedevo quali sono le erbe che “curano” che non dovrebbero essere usate… questa a dire la verità mi è nuova… anche perchè che io sappia oltre a curare le erbe prevengono, cosa che le medicine invece non fanno, anzi quasi sempre sono loro la causa dei mali… mi farebbe piacere un tuo chiarimento, grazie! 🙂

    • Caro Luca, se ne potrebbe scrivere un libro a riguardo 😀 L’idea che le piante curino e prevengano é la stessa che sta alla base della medicina (tieni a mente che la maggior parte delle medicine provengono dalle piante). Ossia che ci vuole un qualcosa di esterno per sopprimere i sintomi o prevenire le malattie. Gli igienisti capiscono che invece é il corpo umano che mette in atto la malattia, e che questa é la cura. Che non c’é bisogno di andare a sopprimere i sintomi, ma si deve eliminare la causa della malattia… e questa é l’unica “prevenzione” possibile. La salute proviene solamente dalle pratiche di vita salutari e nient’altro 🙂

  2. Ciao Serena con le risposte che mi hai dato nell’altro tuo articolo questa domanda non ha più bisogno di risposta! 🙂

    Grazie mille!

    Luca

  3. Ciao Serena!
    Altro articolo molto istruttivo e perbacco interessantissimo!
    Tra le altre cose che mi sono nuove, il fatto che le cellule producano tossine anche da DNA mi sembra strano. Come avviene? E quando? Alla morte cellulare?
    E i lisosomi, quando mangiano le sostanze molecolari…cioè in che senso le mangiano? Qual’è il processo? Magari per non scrivere risposte lunghe e noiose puoi citarmi altri articoli?
    Invece i virus che sono morti? Io pensavo fossero vivi, e dopo matrix associa o l’umanità ai virus. Ma ora che questi sono morti, non posso più fare questo paragone haha
    PS: poco tempo fa ho fatto l’esperimento dell’acqua demineralizzata. Ne avrò bevuti 2-3 bicchieri, non di più, anche perché dopo il secondo iniziava a farmi schifo quell’acqua. Però volevo fare l’esperimento per vedere cosa succedeva, dato che avevo capito che in fondo questa faccia bene. Era un periodo in cui la mia pancia ha raggiunto livelli di gonfiamento mai visti prima. Era anche un periodo stressante, con parecchi impegni. Perciò bevo quei 3 bicchieri durante il corso di un giorno e la sera vado a dormire con la voglia di vomitare. Dormo si e no per 2 o 3 ore e poi mi alzo, con un enorme freddo, e in pratica vomito l’anima. Ed espello altre sostante dal fondoschiena (non sapevo come scriverlo). Poi dormo un po’, e dopo 5 ore circa rifaccio questa cosa. Alla fine, era un sabato, me la dormo fino alle 12 (prima ero abituato ad alzarmi verso le 7 ogni giorno) e comunque riposo tanto. Non faccio niente quel sabato, e avevo un mal di testa…finalmente! Non avevo un mal di testa come si deve da quando avevo 8 anni! La domenica ero davvero contento di quest’esperienza. Mi era passata quella fame, o meglio quell’appetito da pozzo senza fondo (letteralmente), mi era passata la mia energia sempre continua, sia mentale che fisica (forse anche per questo l’appetito si è ridotto drasticamente) e ho riiniziato a dormire fino alle 9, poi 8 e mezza, poi 8 e poi così, man mano riducendo, per circa una settimana. Nel senso che ho iniziato a dormire di più, in questa fase post-esperienza. Mi sono accorto di un’altra cosa: dopo questo fatto, dopo il mal di testa, sono scomparsi i condizionamenti o processi automatici di cui mi sono arricchito negli ultimi 2 mesi sopratutto! Ero più libero cavolo, e ne ho approfittato per riprogrammarmi per svolgere funzioni costruttive quali studiare/apprendere, esercizi piccoli (ma che sto aumentando, sopratutto di sforzo perché quelli di resistenza come la corsa mi annoiano e sinceramente mi logorano mentalmente, ma anche a livello dei tendini delle ginocchia), e l’unica pecca è che ho ricominciato a mangiare alimenti latticini, ovvero solo formaggio (più parmigiano), e la domenica sera, il giorno successivo all’esperienza, ho mangiato della carne di maiale che era stato ucciso il giorno prima e cotto al fuoco da “amici”. La carne l’ho mangiata solo quella sera in quest’ultimo mese…però ho mangiato pesce 3 o 4 volte…ma il pesce mi piace! Quella volta che sono andato al ristorante giapponese, mi sono strariempito ma la mia pancia non era cresciuta per niente. Come mai?
    Bon. Ti ho raccontato la mia esperienza con l’acqua demineralizzata. Spero in qualche tuo consiglio e opinione, e spero di non esser stato noioso come al solito ^^
    Grazie infinite dei tuoi preziosi studi e delle informazioni che condividi. Adoro l’igienismo

    • Ciao Vlad! Eccomi 🙂

      – Non é che le cellule producano tossine. Ma i resti di DNA e RNA di una cellula morta sono considerate “tossine” semplicemente perché non servono piú alla crescita, riparazione e vitalitá dell’organismo. Questi “pezzetti morti” vengono chiamati “virus”, in realtá non hanno vita.
      – I lisosomi sono degli enzimi e si possono un po’ chiamare “l’apparato digestivo della cellula”. Quando una cellula viene danneggiata o muore, questi enzimi fanno sí che la “digeriscono” e poi tutto ció che si puó riciclare viene riciclato, altrimenti viene eliminato (in quest’ultima istanza abbiamo altre “tossine”).
      – Dovresti bere solo e quando hai sete. Non bere durante, né dopo, i pasti. Se proprio hai sete bevi 10 minuti prima di mangiare.
      E se vedi che l’acqua demineralizzata non ti va, scegline un’altra. Ad ogni modo, se ti nutri di alimenti ricchi, per se, di acqua (che sono anche quelli piú ideali per l’uomo) vedrai che avrai pochissima sete 🙂

      Ti saluto con calore e scusami del ritardo 🙂
      Serena

LASCIARE UNA RISPOSTA