Come mio papá é ringiovanito di 15 anni

Come mio papá é ringiovanito di 15 anni

15339
23
QUOTA

Mio papá PRIMA e DOPO essere stato qui in Ecuador ed aver vissuto con me. Con foto. Questa é la differenza che possono fare 4 settimane igieniste (qualche sgarro incluso!).

A quanto pare mio papá è un mio lettore accanito. Ma tra il dire e il fare ci sta di mezzo il… giá lo sapete! Ed è quello che non riusciva a fare. Gli serviva quella spinta per cambiare. È difficile, ma non se si ha la giusta motivazione e la giusta guida.

La differenza in sole 4 settimane!!!
(Ulteriori foto di paragone PRIMA e DOPO a fine articolo)

I miglioramenti sono stai tantissimi, quando é arrivato aveva difficoltá a fare le scale per andare in camera, ora puó camminare anche per 5 ore di fila (tra le montagne). L’artrite che lo immobilizzava gli é quasi del tutto passata. Ha perso un bel po’ di chili. Si sente leggero e ringiovanito. Come dice lui “Non ho mai patito la fame”, “La frutta é divina e le cene vegane, ben combinate, sono state dei toccasana per occhi e corpo. La dieta vegana è buonissima. Non pensavo si potesse mangiare senza carne, pesce, formaggi, uova, pasta e pane.” Abbiamo addirittura intrapreso un semi-digiuno di tre giorni (bevendo solo acqua di cocco fresco). Questo è passato tranquillamente, senza intoppi… come se il corpo lo richiedesse. Sono state tante le risposte positive del suo corpo (anche un po’ piú private). Le paure prima di venire qui sono state totalmente dissipate e una grande sicurezza e piacevole sensazione di benestare l’ha pervaso e ridiretto a casa, in Italia.

Comunque, quello che mi ha detto spesso é stato: “Serena, ma quello che scrivi allora funziona! Peró, bisogna provare prima per credere… GRAZIE”. Non è facile nel proprio ambiente cambiare. La societá ottusa, la televisione e i giornali pieni di notizie che uccidono l’anima, il grigiore dell’inverno. Questa non è vita. E venire in Ecuador, osservare le farfalle, i colori degli uccellini e dei colibrí, il caldo sole che esce sempre a salutare anche in questo periodo di piogge… riscaldano cuore e anima. Mio papá se ne é andato in forma, contento, e si sentiva con 15 anni in meno. Ha camminato di piú in questo mese che negli ultimi 30 anni di vita sedentaria (compreso un treck di 3 ore nella giungla – il piú difficile che si potesse fare). É rinato.

Come ha fatto? Quali i segreti? Qual è stata la sua alimentazione?
La vita igienista non si basa solo su un’alimentazione salutare, è uno stile di vita! Quindi parlare di alimentazione sarebbe troppo limitativo.

I fattori ottimizzati sono molteplici:

  • Aria sana – l’aria di Vilcabamba è migliore di quella della pianura padana, trovandosi ad una elevazione di quasi 1600m ed essendo circondata da migliaia di ettari ancora verdi. Un villaggio poi di poche migliaia di abitanti e quindi poche macchine. Niente aerei o scie chimiche nel cielo;
  • Acqua pura – derivante per lo piú da acqua di cocco, frutta e verdura;
  • Esercizio fisico giornaliero – partendo da piccole camminate e poche salite, poi man mano è andato crescendo. Mio papá era comunque un atleta (giocatore di calcio per la Francia) e quindi il suo corpo ha risposto molto bene e velocemente. Ogni giorno camminava per un minimo di 2 ore, fino a picchi di 3-5 ore, tra le montagne. Due volte siamo andati in bicicletta, una volta a cavallo, un paio di volte abbiamo giocato a ping-pong e abbiamo intrapreso, a Zamora, nel Parco Nazionale del Podocarpus, persino un percorso di 3.5 ore, molto ripido e scivoloso – il piú difficile dei percorsi – con successo (durante l’ultima settimana). Abbiamo addirittura scalato il Mandango – l’Inca dormiente – montagna sacra del villaggio (l’ultimo giorno).
  • Dormire – sveglio senza sveglia, ascoltando il ritmo e il bisogno del corpo. C’è da dire che, grazie al campo elettromagnetico di Vilcabamba, tutti dormono meglio e piú profondamente.
  • Riposo e relax – di questo ne ha avuto a palate. Stava anche per 3-4 ore al giorno sull’amaca a guardare le farfalle, le api (ne abbiamo 7 tipi in giardino), uccellini e colibrí di passaggio.
  • Niente TV, giornali. Solo qualche film alla sera sul computer.
  • Ambiente e temperatura gradevoli – l’ambiente che ci circonda qui è spettacolare, i colori che Vilcabamba offre sono “spaziali” e alle volte drammatici (nel senso che sono molto forti e cambiano velocemente). Vilcabamba è anche il paese degli arcobaleni, ne abbiamo visti almeno 5 in queste settimane, spesso a doppio arco, dai colori molto forti e facilmente riconoscibili. La temperatura qui non scende mai sotto i 18-20° ed è normale avere giornate di sole che riscaldano e abbronzano. Insomma, ha vissuto in paradiso!

E ora passiamo al punto che piú tutti aspettano: e che avete mangiato? Vi faccio un riepilogo e poi vi mostro una giornata tipo, come schema alimentare. Quando è arrivato, devo dire che avevo paura. Paura di non sapere che fare da mangiare! Non volevo comprare carne, né pesce, uova o latticini. Ma la bellezza è che lui è arrivato a mente totalmente aperta e mi ha detto “Fai come fai di solito!”. Via libera…Bene! Appurato che gli piace la frutta da matti abbiamo deciso di mangiare frutta fino la sera (con qualche verdura o insalata) e poi la sera qualcosa di cotto, seguendo una dieta vegana, con verdure cotte e/o crude.

Insomma, abbiamo variato tra:

  • zuppa di patate e porri (la sua ricetta preferita!)
  • zuppa di legumi
  • insalata di quinoa con verdure cotte e crude
  • patate lesse con verdure al vapore
  • tortino di patate ripieno di verdure
  • riso integrale con verdure in salsa di cocco
  • pasta di riso con verdure al wok
  • piadine integrali con guacamole, verdure grigliate e verdure crude
  • insalatona di verdure miste crude e funghi champignons in padella
  • cous cous e verdure grigliate
  • verdure e mais fresco lessato

Una cosa MOLTO importante è che prima di mangiare il pasto cotto abbiamo SEMPRE preceduto da un frullato di insalata, con aggiunta di un concentrato verde (Vitamineral Green per la precisione). Questo concentrato verde mi è stato consigliato da Robert, il mio professore di igienismo e devo dire che ne sono davvero soddisfatta. Per mio papá è stato di grande aiuto, specialmente prima del digiuno. Un corpo malnutrito non dovrebbe digiunare. Cosí gli abbiamo dato un boost di minerali e vitamine. Per lui abbiamo aggiunto il Vitamineral Green anche la mattina o a pranzo nel succo di frutta. È un prodotto che consiglierei a persone in transizione, è semplicemente un concentrato di foglie verdi di terra e di mare.

Dieta vegana, tendenzialmente crudista – Giornata tipo seguita da mio papá (e noi)

08:30 Spremuta d’arancia e mandarino (circa 300ml) o un frullato di mango-maracuja (+ a volte foglie di insalata verde) – 1cucchiaio di Vitamineral Green (a partire dalla seconda settimana)
13:00 Insalata di frutta con max. tre tipi di frutta o pasto mono frutto ad esempio 2-3 banane o 2-3 manghi
17:30 Frullato di insalata (foglie di insalata verde+pomodoro+cetriolo+peperone+sedano+1 cucchiaio di Vitamineral Green)
18:15 Cena vegana abbondante, sempre variata come descritto sopra (l’unica cena che abbiamo ripetuto tre volte è stata la zuppa di patate e porri. Gli è davvero piaciuta tanto!)

Per quelli che stanno pensando “Eh ma che restrittivo…”
Le eccezioni ci sono state! A Natale è stato offerto del prosciutto, a Capodanno dei tempura di pollo, e anche del vino non è mancato ogni tanto. Ma ogni volta che abbiamo mangiato fuori, sempre tornava a casa ridacchiando “A casa tua si mangia meglio e, soprattutto, ci si sente meglio dopo aver mangiato. A casa sai cosa ci metti nel piatto”. E si dorme meglio pure! Perché una volta provato l’effetto della giusta combinazione degli alimenti…non torni piú indietro! Se sai cosa fai, capisci i tuoi errori, e il corpo, te lo fa sapere!

E per quelli che invece pensano “Ma si poteva fare anche meglio…”
Bisogna capire quando tirare e quando mollare. Mangiare è comunque un piacere. Mio papá se ne è andato via con un’esperienza super positiva, felice. Ne ha provato i benefici ed é tornato a casa con la volontá di continuare, o almeno fare ció che puó per continuare a sentirsi cosí. Avremmo potuto mangiare completamente crudo e fare un digiuno a sola acqua, ma si incorreva nell’eventualitá che se ne andasse frustrato e non vedesse l’ora di rimpinzarsi di tutte le cose proibite. In questo modo, quest’esperienza è stata un grandissimo successo…e si vede! Bisogna adattare i principi dell’Igiene Naturale alle persone, non le persone ai principi. Un vero igienista riconosce i limiti dell’assistito, lo spinge a fare i cambiamenti opportuni, senza arrecare danno.  

Digiuno – Come accennavo abbiamo affrontato un semi-digiuno di 3 giorni (tre giorni e mezzo tecnicamente) bevendo solo acqua di cocco giovane ed è andato a gonfie vele! “È stato facile” dice lui “Piú che fame, si ha sempre questa sensazione di appetito, ma non è vera.” (Per ulteriori informazioni sul digiuno vedi gli articoli Il Potere Curativo del DigiunoQual è la Migliore Dieta per Disintossicare? Digiuno, Semi-Digiuno o Mono-Frutto?)

Si è stupito di non aver fame, che non serve mangiare quando l’orologio te lo dice, e nemmeno serve mangiare tre volte al giorno, o tardi la sera. Ma “Bisogna provare”. E quando provi, lo senti. E quando lo senti, ti convinci. E se ti convinci… lo vuoi dire a tutti!

La cosa strana per lui è stata quella di mangiare melone, anguria e ciliegie a gennaio. Un sole che viene fuori solo a luglio in Italia, ma senza afa o umiditá. Il suo frutto preferito? Il mango! Una cosa che ha odiato e non poteva vedere? Il coriandolo. Ha riscoperto il porro (che io uso, in alternanza con erba cipollina, al posto delle cipolle) e ha scoperto che gli piace tantissimo il broccolo, crudo o al vapore.

GRAZIE IGIENE NATURALE, che porti speranza e vita – a qualsiasi etá! Sono estremamente orgogliosa di essere portavoce di questa meravigliosa scienza/filosofia che non la smette di strabiliarmi, lasciandomi in estrema ammirazione, con umiltá.

GRAZIE GRAZIE GRAZIE…la vita… vale proprio la pena di viverla!!

Risultati di una dieta vegana e una vita igienista:
Dieta_igienista_ildragoparlanteSe ti è piaciuto questo articolo e vuoi provare anche tu una settimana crudista/vegana/igienista, facciamolo assieme! A breve pubblicheró uno schema nutrizionale di una settimana crudista, con qualche opzione vegana – facoltativa – (per chi non se la sentisse di andare completamente raw – tre pasti cotti, ben combinati e con pochi grassi, come opzioni extra). Questa tabella sará scaricabile liberamente da questo sito. Iscriviti al blog de ildragoparlante.com (in basso a destra) per ottenerla e rimanere informato sull’evento. Questo partirá su Facebook a metá febbraio. Durante la settimana del 16 – 22 febbraio.  Ci stai? 🙂 😉

Connettiamoci anche sulla pagina Facebook e vediamoci sul canale YouTube de ilDragoParlante 🙂

Un voto per il tuo parere:

23 COMMENTI

  1. Bellissimo articolo!!! Tutti i tuoi articoli sono davvero molto interessanti! Ė’ un piacere leggerti e conoscere ciò che scrivi. La tua iniziativa mi sembra davvero fantastica e parteciperò alla evento molto volentieri. Tuo padre ha raggiunto davvero risultati lodevoli! Sarebbe bello avere le ricette di alcune pietanze da te indicate, é possibile?

     
    • Ciao Shiba! Grazie mille 🙂 Sí, i risultati sono stati strabilianti, io stessa sono rimasta sbalordita quando ho paragonato le foto…non potevo non pubblicare un articolo su questa esperienza!
      Ok, per le ricette tu intendi quelle vegane? Per tuo figlio di tre anni potrei consigliarti di andare su delle buone combinazioni di frutta e, quando cucini, delle semplici combinazioni tra gli alimenti, con pochissimo sale e spezie non forti come basilico o prezzemolo (no a peperoncino, zenzero, curry, aglio, cipolla – per intenderci…). Se gli piacciono le patate, delle belle patate bollite con delle verdure (zucchine, carote, broccoli?) cucinati al vapore per pochissimi minuti, ad esempio. O c’é qualcosa in particolare che ti ha colpito e che pensi tuo figlio potrebbe apprezzare?

       
  2. Si esattamente quelle vegane ed in particolare la zuppa porri e patate, il tortino patate ripieno di verdure, zuppa di legumi. Scusami ma io non sono una gran cuoca, anche se devo dire che da quando sono diventata vegana cucinare mi rilassa e trovo per la prima volta piacere nel farlo per me e la mia famiglia. Il mio bimbo non ama particolarmente i broccoli ma le altre verdure le apprezza abbastanza (carote pomodori e finocchi anche crudi). Da quando ti seguo ho cercato di dargli merende di frutta con giusti abbinamenti, frullati con carote e mele o altri che mangio io e sembra apprezzare☺ purtroppo ė difficile farlo stare lontano da merendine etc. Ma ci provo…
    Posso chiederti se vitamineral green é acquistabile anche in italia , oppure si trova solo on line in siti stranieri?
    Grazie di cuore per la disponibilità e passione in ciò che fai! Continua così☺

     
    • Ok Shiba! Tu ci sei su Facebook? Magari potrei postarle sulla mia pagina la prossima volta che le faccio in casa. Avevo anche in mente di fare un video su YouTube sul tortino di patate. Comincia a dargli le verdure e i frutti che piú gli piacciono, non forzarlo mai di niente (é comunque normale che i bambini non mangino cose verdi…). Ok, ho trovato il Vitamineral Green su ebay, lo potresti comprare lí. É un po’ costosetto, ma é un prodotto di alta qualitá. Personalmente non prendo integratori e non li consiglio (specialmente non quelli economici che puoi comprare in farmacia o al supermercato). Ma, come scrivevo nell’articolo, puó essere un aiuto agli inizi, per persone nelle prime fasi della transizione. La differenza che fa si sente e la prossima volta che torno in Italia porteró a mio papá un altro barattolo. Si assimila meglio se in polvere, come la spirulina.
      Grazie a te per il supporto e continua cosí, che sei sulla giusta strada! 🙂
      Un caloroso saluto, Serena P.

       
  3. Per quanto provi ad alimentarmi con cibi vegani cotti e crudi alla fine devo cambiare alimentazione per il problema di gonfiore allo stomaco accompagnato a forti dolori che la dieta vegana mi porta. ..chiedo aiuto a te per capire dove sbaglio. .grazie. .

     
    • Ciao Maria, grazie per aver commentato. Il gonfiore allo stomaco puó essere causato agli inizi dall’apporto di fibra che una dieta vegana contiene. Una volta eliminati i residui, il gonfiore dovrebbe passare. Altrimenti, cosa piú probabile, non stai combinando bene gli alimenti, ad esempio, i cereali non vanno combinati con i legumi, no a riso e piselli. Il pomodoro non va mangiato con i carboidrati, no a pasta e pomodoro. Ti invito a leggere questo articolo sulla combinazione degli alimenti per vedere, da sola, se magari c’é qualcosa di sbagliato nella combinazione delle tue pietanze. http://ildragoparlante.com/2014/02/24/la-combinazione-degli-alimenti/
      La dieta vegana é un’ottima dieta, ma molti fanno errori, e la loro salute ne risente. Mix di ingredienti troppo grande, troppi grassi e troppe spezie. Il cibo deve essere presentato e mangiato nella sua semplicitá. Ti invito a provare e vedere se qualcosa cambia. Un caro saluto, Serena P.

       
  4. Caspita che cambiamento, è veramente rinato 🙂
    Complimenti!! Io non riesco a seguirti su facebook, non sono iscritta, proprio non lo sopporto, spiacente 🙁
    Ciao, Pat

     
    • Hehe… é bello sapere che ancora esistono delle persone che non sono su Facebook! Siete rimasti in pochi!! 🙂 Posteró lo schema anche qui e anche le ricette, cosí puoi comunque dargli un’occhiata…
      Il cambiamento é stato davvero enorme, ma quello che io credo sia ancora piú meritevole é stato il cambio di coscienza in lui. Quando é tornato a casa mi ha scritto una mail e mi ha detto che ora il suo frigo assomiglia al mio 😀

       
    • Fantastico, Patrizia, continua così, resisti! Io odio Facebook, ma mi è toccato iscrivermi, non so a spiegarti perchè, tant’è vero che sono iscritta con uno pseudonimo. Serena, il tuo papà è fantastico, il dopo è meglio, certo, però prima…aveva un’aria più simpatica, ecco 🙂 ! Un’aria proprio da veneto simpatico (lo è poi, veneto? 😀 )!! 🙂

       
      • Hihi Donata! Diciamo l’ho preso…di sorpresa 😀 (Vedi anche le foto alla fine dell’articolo 😉 ) Sí, siamo proprio veneti!!! Grazie per esserti iscritta a facebook e aver condiviso con noi questa meravigliosa esperienza!!

         
  5. Eccellente post. Questa si che è vita….. No la nostra che stiamo nella bella ma decadente Italia 🙁
    A parte gli scherzi….Molto interessante questa tua testimonianza e non posso che condividere sui benefici del cambio di alimentazione (anche se da solo non basta ma fa molto).

    Da ormai tre anni sono vegano e nell’ultimo poi ho incrementato notevolmente la quota di crudo (soprattutto frutta) iniziando un processo che spero mi porterà a risolvere il piccolissimo problema che ho alla tiroide cercando di non essere più dipendente dall’ Eutirox.

    Praticamente la mia alimentazione prevede frutta dalla mattina fino al pomeriggio. La sera per cena, dopo una bella insalatona (con finocchi ravanelli carote o pomodori), un piatto di verdure, cereali o proteine ovviamente con le giuste combinazioni e anche in base alla stagione. Certo, l’estate è più facile grazie alla succulenta frutta estiva e ai meravigliosi pomodori (sono goloso di pomodori).

    L’inverno invece è un po’ più faticoso e problematico. I frutti invernali non sono “attraenti” come quelli estivi e il brusco abbassamento delle temperature mette a dura prova questo sistema alimentare. Infatti lo scorso anno sono un po’ calato di peso. Quest’anno per non cadere nell’errore ho incrementato la frutta dolce e quella essiccata. Qui vorrei chiederti un consiglio. Nel pomeriggio a giorni alterni, mangio una o due banane associandola a: prugne secche e/o datteri e/o fichi secchi e/o uva sultanina. Che dici è troppo o può andare bene? Potrei andare incontro ad un eccesso di zuccheri? Che ne pensi?

    Anche io non sto su Facebook. Non lo sopporto proprio e cerco di resistere il più possibile.
    Quindi attendo sul sito il menù da te suggerito.
    Ancora grazie e complimenti per il nuovo sito.
    Fabio

     
    • Ciao Fabio, grazie mille per questo commento e per aver condiviso con noi la tua storia 🙂 Certo, va benissimo la combinazione di due banane e frutta essiccata, puoi anche incrementare a 3-4 o anche 5 banane se ne senti il bisogno. Con la frutta essiccata non esagererei (ma non credo sia il tuo caso), peró la combinazione é buona e, come hai detto tu, in inverno, in Italia, non c’é questa grande abbondanza. Possiamo fare solo ció che é nelle nostre capacitá e agire nei nostri limiti. A meno che tu non decida di andare a vivere ai tropici. Aumentare la quantitá di frutta dolce sarebbe anche la mia soluzione.
      Finalmente il mio blog é on-line, ma non é ancora del tutto OK. Posteró sicuramente anche qui lo schema e ci terremo aggiornati con qualche post aggiuntivo, altre persone parteciperanno via blog 😀

       
  6. Ciao Serena, bellissimo articolo e bellissima esperienza per tuo padre. Complimenti a voi tutti! Io sono tendenzialmente crudista ma ora con l’arrivo del freddo non ce la faccio e facendo lavori stagionali nell’agricoltura mi sento debole; integro con dei “non cereali”, tantissima verdura, frullati verdi e frutta. Il problema, vivendo in Italia, sono i costi alti (cerco il biologico a km 0, quando posso) per un regime di alimentazione come il nostro e la qualità che spesso non è delle migliori. Sto valutando anch’io di andare in un posto caldo, prima o poi. Intanto seguo il mio percorso e vedrò in seguito dove le mie esperienze mi portano. Un abbraccio e un saluto a voi, di cuore 🙂

     
  7. Ciao!
    DragoParlante haha perché mai questo nome?
    Allora, questa è la prima volta che scrivo in questo sito. Perché? Perché l’esperienza di tuo padre è da fantasticheria, e chi non vorrebbe provarla! Inoltre devo proprio dirlo: questo è uno dei migliori siti in cui si parla di alimentazione, sopratutto combinazioni alimentari, di esercizio.
    Ps: ho fatto molte domande. Ti consiglio di rispondere appena le leggi, in questo modo sarà più veloce e non dovrai poi rileggere per cercare le altre domande 😀 scusa il disordine!

    Eh…mi sa che mi tocca fare una lista di ringraziamenti. Dunque! Esercizi cinestesici (ho scritto bene?). Il monkey power! Beh, naturalmente l’insieme dell’alimentazione, della palestra e del nutrirsi con proteine alimentari mi ha fatto riflettere…integrando anche altre ricerche che ho fatto. Ad esempio mangiare carne aumenta il battito cardiaco, dunque questo affatica l’organismo. Poi, dato che il processo digestivo risulta più dispendioso di energie, ecco che il corpo si adegua ritirando le energie dall’apparato motorio e impiegandole (intelligentemente) in quello digestivo. Ma poi quando ho letto che queste proteine vengono divise, per estrarre loro energia, ho pensato: “ma allora se si mangia carne per avere solamente energia…che senso ha appesantirsi/affaticarsi tanto per ricevere ciò che si può ricevere dalla natura cruda e fresca (naturale)?”. Ecco, qui in effetti non mi è chiaro: ma quindi le proteine animali hanno dei vantaggi? Eppure dovrebbero averne! Il mio pensiero di adesso è che non ne hanno…solo in negativo. Poi, la carne è acida, e dato che tutti i cibi non-alcalini invecchiano, la carne invecchia. Ma la cosa peggiore che ho letto è che la carne è proprio un veleno: è paragonata (da un certo studioso), quando subisce la digestione, ad una bistecca su un marciapiede sotto il sole…D: accidenti! Anche il “brodino di carne”, concentrato di veleni. Pensa che il risultato (che avviene nel nostro stomaco, o comunque dopo/durante la digestione) è paragonabile (sempre da quello studioso) all’urina! Queste cose mi hanno fatto riflettere parecchio. Proseguendo con la ginnastica cinestesica, l’allenamento del corpo rafforza più muscoli contemporaneamente, come dovrebbe essere in uno sviluppo corretto, e poi non ingrossa i muscoli ma li rafforza (quindi, li indurisce, giusto?). E da qui ho pensato: ma allora tutti quelli che fanno palestra, e si nutrono di proteine naturali + carboidrati (che è la nutrizione ottimale post-allenamento, dicono), riempiono il loro corpo di sostanza che non serve per la forza…ma solamente gonfiano il loro corpo! Cioè, questa è un’altra cosa che mi ha fatto riflettere…ecco perché se si mangiano la frutta (e verdura, ma non insieme nello stesso pasto) con le proteine animali e carboidrati, i muscoli non si gonfiano. Perché il corpo prende ciò che gli è necessario per autorigenerarsi. Mentre lo scarico lo butta via! Però di questo vorrei la conferma. E’ davvero così? Pensando logicamente, dovrebbe essere così. Poi, ho fatto il confronto tra animali selvatici e noi: noi la carne la cuociamo! E quindi? Addio vitamine. Per non parlare che gli animali mangiano la carne bella fresca, che ha appena smesso di venir irrorata dal sangue del vegetariano vivo (domanda: mangiare la carne cruda subito uccisa, non va bene per noi? Ad esempio, da Bear Grylls ho scoperto che si possono mangiare i serpenti crudi, scuoiati. Queste proteine sono le migliori a parer mio. Voi che dite?). Poi ho pensato agli erbivori e mi sono chiesto: “ma da dove vengono tutti i muscoli degli erbivori? Ovvio: dall’erba o dalle foglie! Appena staccate dal terreno/albero”. Heh, alla faccia dei palestrati che si rimpinzano di proteine animali! Però c’è anche da considerare che il nostro organismo è un poco differente da quello degli animali. Ma anche considerando questo, direi che i palestrati fanno comunque male ad avere la loro nutrizione. Altra cosa per gli esercizi: l’irrorazione del sangue in tutto il corpo. Infatti l’esercizio rende il nostro corpo giovane, al contrario che usurarci. Perché il sangue viene irrorato in tutte le parti, e avvengono processi di rigenerazione delle cellule in tutto il corpo. Inoltre l’alimentazione alcalina (ad esempio il limone, che dovrebbe essere il frutto più acido, ho letto che nel nostro organismo ha benefici da miglior frutto alcalino! Possibile?) è funzionale per il ringiovanimento. Infatti il nostro intelligentissimo corpo ha la spinta naturale di rimanere giovane, mentre combatte ciò che è inutile/dannoso facendocelo sapere (con le malattie), meno male! Altrimenti se non ce lo facesse sapere, come potremmo curarci? Inoltre diversi studi hanno visto come un’alimentazione alcalina elimina le cellule tumorali (ecco perché la biologia dice che i tumori si sviluppano in praticamente tutte le persone, dopo i 70-90 anni: non è tanto una questione di probabilità di avere i geni mutati nel corso nel tempo, ma quando una risposta all’accumularsi dell’acidità nel corpo! Banana! (scusa l’espressione xD)), le quali (cellule tumorali) possono vivere e rigenerarsi anche in assenza di ossigeno: basta loro lo zucchero. E gli stessi studi hanno dimostrato anche che le cellule tumorali muoiono in presenza di maggior ossigeno (dato che “alcalino” vuol dire praticamente “più ossigeno”, o meglio più molecole O-H, da quel che ho capito. Mentre “acidità” equivale alla mancanza dell’ossigeno. Wow, quante cose ho scoperto grazie a voi tutti! Mi meraviglio proprio…sono passi importanti che tutti noi dovremmo conoscere ^^). Quindi per concludere, il nostro organismo-intelligente, per sopravvivere, in assenza di ossigeno, è costretto (per non degradare) a trovare una soluzione alla mancanza di ossigeno (ovvero la troppa acidità) nel nostro organismo. E la soluzione che ha trovato è vivere in assenza di esso, diventando una cellula tumorale. Cavolo! E’ tutto così logico, così giusto se ci si pensa!

    Ora. Combinazioni alimentari. Ma voi pensate che io prima sapevo che i carboidrati e le proteine non dovevano essere combinate? Oppure che la frutta andasse mangiata solo a stomaco vuoto? Ma assolutamente no, non ne sapevo alcunché. Tutte queste cose le ho scoperte a partire dal DragoParlante! Però vi devo dire che le combinazioni alimentari non mettono d’accordo tutti. Su vari blog ho letto delle differenze. Però la teoria che mi sembra migliore da seguire, è quella del processo digestivo: gli amidi (ovvero carboidrati complessi) iniziano a scindersi nella bocca (ma il pane non andrebbe mangiato? Teoricamente se si cuoce, perderebbe vitamine. O come funziona?). Poi abbiamo i grassi e le proteine. Degli zuccheri (carboidrati semplici) non ne parliamo. I carboidrati si scompongono nello stomaco (o nel duodeno, ma queste cose non me le ricordo) e servono i succhi digestivi più alcalini rispetto a quelli che servono per digerire le proteine. Quindi, mescolando insieme questi 2 tipi di succhi, oltre al fatto che il pasto verrà digerito con parecchi ritardi, il pasto nello stomaco starà li a “marcire” (ecco, che cosa avviene esattamente?), e per di più i due succhi gastrici combinati assieme fanno un disastro. Tipo un’esplosione haha beh, di certo sono cose intuitivamente da evitare. Quindi è più che logico aspettare che venga digerito il primo complesso di sostanze, per poi poterne inserire un altro. Però in effetti, c’è questa critica all’alimentazione/dieta divisa (non ricordo il nome, ma per intendersi quella dei monopasti), ovvero che non riempiremmo il nostro corpo, in una giornata o in un certo arco di tempo, degli elementi necessari (quindi vitamine sopratutto, giusto?). Però, anche se in una giornata questo direi che è vero, è anche vero che il nostro corpo non è che ha bisogno di così tante vitamine per rigenerarsi. Non è che la nostra pelle viene rigenerata “a palate”. Quindi, secondo me, le vitamine che acquisiamo un giorno, riempiranno i serbatoi (delle cellule o del sangue, non so bene) e staranno lì per molto tempo. Anche settimane (è possibile così a lungo?). Quindi non serve ingerire tutto nello stesso pasto. Ecco, questo è il mio pensiero. Ma secondo voi com’è (visto che siete senz’altro più sapienti di me xD che ho solo messo insieme cose raccolte dal web).

    Beh, queste sono le cose più importanti con le quali ho fatto conoscenza. E non è che una gioia sapere tutto ciò! Insomma: ci sono cose così importanti che nemmeno si immaginano. E di una facilità, e logicità incredibili. E’ tutto così semplice. Altra cosa che ho riscoperto è questa: fidarsi di sé stessi, del proprio corpo. E della logica, e delle intuizioni. La società ci fa perdere questa cosa con tutte le imposizioni (sopratutto la medicina). Ma in realtà è tutto semplicissimo: segui il tuo corpo. Mangia cose naturali, fresche. Così come i potenti erbivori mangiano erba/foglie appena strappate, così noi saremo forti mangiando frutta fresca, verdura, e di stagione. Altra cosa sorprendente è che il corpo umano segue le stagioni! Anche questo mi ha scosso parecchio. Non pensavo che fossimo collegati col pianeta a questo livello! Quindi ci fa bene mangiare ciò che è di stagione, ciò che nasce e cresce in quella stagione. Che bello. E’ tutto veramente così semplice.
    Inoltre andando per logica: se mangiamo poco, abbiamo più energie, ci sentiamo più svegli, più attivi, abbiamo più forza continua…dunque, che senso ha ascoltare quelle persone che, indicando tanta pasta condita, tanta carne (e vabbe indicano poi anche le cose buone), dicendoci “mangia che hai bisogno di crescere” con faccia compiaciuta/contenta? Che senso ha? Che poi ti dicono, da ciccioni e pieni di acciacchi e malattie (come mia madre, scusate, ma è così e volevo dirlo), che “guarda come sei magro, ti si vedono le ossa”!! Cioè uffa, ma come puoi giudicarmi? Ti sei vista coi tuoi dolori, e pallina di grasso? Non le capisco queste persone. Come si fa a spiegar loro la giusta alimentazione? Pare non capiscano proprio, ho tentato tanto (scusate la fuoriuscita delle cattiverie :D).
    Comunque, io facendo i digiunini mi sono accorto che mi manca la forza turbo, insomma gli scatti o scatti prolungati…nel senso che in bicicletta dopo aver fatto un chilometro a velocità piuttosto veloce-continuativa, mi sentivo stanco…ma questo direi sia perché negli scatti/turbi il nostro corpo vuole energia tipo zuccheri. Mentre per la continuità senza scatti, può benissimo usare le nostre riserve di grasso. E sapete, mi sono anche preoccupato facendomi questa domanda: “ma se a lungo andare, mangiando sano in questo modo, arriverò a perdere tanto peso da finire le mie riserve di grasso? D:” haha mi fa un po’ ridere questo pensiero, però in effetti mi chiedevo anche in diversi momenti della mia vita: come fanno le persone molto magre a sopravvivere senza assumere energia? Io ho parecchie riserve di energia (sotto forma di grasso) nelle cosce e nella pancia-fianchi (molto nelle cosce. Direi che questo sia perché da sempre sono solito spostarmi praticamente ovunque in bicicletta. Ed essendo sempre in ritardo, usavo sempre il turbo. Sarà questo il motivo per cui il grasso sta tutto lì? Perché è più vicino ai muscoli più utilizzati, e quindi di facile consumo?), e avendo queste riserve non soffro la fame. Non la soffrivo mai, durante la mia vita sedentaria (ma continuavo a mangiare schifezze e abbinando male…meno male che il corpo-intelligente elimina la stragrande maggioranza dell’inutilità). Ho iniziato a soffrire la fame quando ho ri-iniziato (dopo 1-2 anni) a fare attività fisica (e ho sofferto tanto! Mangiando in modo eccessivo…dovendo poi provocarmi certe volte il vomito da solo perché mi sentivo pieno fino alla gola, letteralmente). Tutto a confermare come l’organismo faccia (e voglia far) razzia di tutto ciò che introduciamo post-allenamento. E questi desideri immensi di cibo mi fanno riflettere: secondo me, avendo fatto più di 1 anno di vita sedentaria, il mio corpo sì è usurato inacidendosi, quindi le cellule hanno iniziato quel processo di tumorazione (è un termine di cui dubito l’effettiva esistenza), ovvero di malattia, necessitando meno vitamine (un processo di “accomodazione” insomma). Quando poi ho ri-iniziato a fare attività, quelle cellule accomodate/rilassate, per funzionare per la vita attiva, hanno richiesto tutte quelle scorte di vitamine di cui avevano bisogno durante il periodo attivo, e che hanno man-mano consumato durante tutto l’arco dell’anno, svuotando completamente tutte le riserve, i serbatoi. Quindi è per questo che sentivo questa stragrandissima fame. E io mi dicevo di non mangiare, perché sapete cosa? Io più mangiavo e più avevo fame! Sempre! Incredibile…cioè è incredibile come sia semplice adesso, il motivo di questo fatto: prima, nel periodo di inizio allenamento, il mio corpo dopo aver assaggiato qualcosa ne richiedeva ancora perché diceva: “ok, hai assaggiato questo? Ma non ti preoccupare, noi lo usiamo! Tu daccelo…dacci tuttooo!” (erano cellule super affamate che volevano qualsiasi cosa pur di riempire le cellule). Ma visto che il cibo veniva ingerito (e poi, dato che le combinazioni erano pessimo, andava pure a malora! Ma questo mica lo sapevo), ma le sostanze nutrienti che le cellule volevano estrarre non arrivavano, dicevano: “ok, questa volta è andata male, abbiamo ricavato poco/nulla, ma tu dacci ancora, e ancora, perché “il mangiare” è la strada giusta, e vedrai che prima o poi avremo le vitamine necessarie…sù, dacci cibooo!” e così l’organismo mi dava il giusto messaggio (ovvero “mangia”), ma io non lo rispettavo e gli davo schifezze. E dato che lui non ne traeva benefici, chiedeva altro. Ecco perché la pancia cresceva e cresceva (come negli uomini incinti da dieci gemelli…è orribile avere la pancia). Che periodo terribile. Però devo dirvi una cosa: Quando facevo i digiuni, vedevo la mia pancia che si appiattiva velocemente. Da quando ho iniziato a mangiare bene, invece, la pancia si appiattisce molto lentamente. Cioè, ora è già incredibilmente poco gonfia, molto meno gonfia del mio solito, ma comunque si sta sgonfiando lentamente. Come mai? Forse l’avrete capito: la mia pancia è stato il mio più grosso problema dalle medie, da 10 anni!

    Ora sono arrivato alla fine. Grazie al mondo della buona alimentazione, del pensare che tutto l’universo è energia e informazione (alla Matrix), della riscoperta della logica naturale, della natura che procede con noi, delle combinazioni alimentari, dell’ossigenazione delle cellule attraverso esercizio ed alimentazione alcalina, grazie alla riscoperta della carne = veleno e a tutti i danni (accelerazione cardiaca, stanchezza cronica), al fluoro che calcarizza la ghiandola pineale, al controllo dell’attivazione delle proteine che controllano i geni nelle cellule attraverso il pensiero…al fatto che le proteine animali non sono assolutamente indispensabili per la proliferazione delle cellule. E’ tutto così meraviglioso! Tutto grazie a siti come il DragoParlante, senz’altro uno dei più importanti!
    Comunque, ultimissima domanda (giuro): ma veramente non abbiamo bisogno delle proteine per rigenerarci? Come vengono create le proteine nel nostro corpo? Insomma, in pratica noi siamo le nostre proteine, tutto il corpo è in maggioranza formato da queste. Come si generano? Semplicemente da carboidrati e grassi (e vitamine)? Oppure noi quelle proteine le dobbiamo comunque prendere, ad esempio dai legumi?
    Ps: ieri ho mangiato pasta nera (una roba strana…etichetta senza nulla scritto sopra. Pareva integrale, sapore strano) con le lenticchie. Inutile dire che avevo bruciori di stomaco qualche ora dopo. Questo per la mala combinazione di carboidrati complessi (la pasta è formata da amidi come il pane?) e proteine di lenticchie?
    Ok, scusatemi ma vorrei fare altre domande…quando dopo un pasto malandato (come le facevate una volta insomma), sentivate delle “scoregge di bocca”, insomma quando si fa tipo “GAAP”, avete presente? Con la bocca. Quando i gas si formano e fuoriescono dalla bocca. Ecco, questo vuol dire una specie di fermentazione? O cosa in particolare? Tipo mescolanza dei due succhi gastrici opposti?
    E le solite scoregge che si fanno in bagno, o anche non, sono anch’esse segno di un processo digestivo non andato a buon fine?
    Ma se dopo l’allenamento, non mangio abbastanza…ad esempio, se non mangio le 8-9 banane consigliate, ma ne mangio 1-2, dopo qualche ora sentirò acidità di stomaco? La teoria è che lo stomaco si prepara a digerire il quantitativo giusto di cibo (8 banane), ma ne arriva una e quindi non viene usato…è possibile? O non ci sono bruciori? E poi…se 8 banane bastano, allora la frutta è fatta degli elementi necessari a ricostruire le proteine del nostro corpo! E dubito che le banane abbiano proteine.

    Ragazzi, davvero sono tante domande, ma vi sarò grato infinitamentissimamente se, e quando (so che risponderete 😉 riceverò un’e-mail con le vostre preziose informazioni in risposta. Vi ringrazio davvero tanto! Ma tantissimo! Tanto che solo ora, scrivendo questi “tanto” mi sono ricordato del motivo per cui ho iniziato a scrivere questo messaggio: mi chiedevo se (xD) era possibile fare una gita lì da voi. Come con tuo padre intendo. Magari avete pure una casa che permette di ospitare persone, turisti, visitatori. A proposito, non mi piace fare pubblicità inutile/dannosa (quindi sapete che questa non lo sarà), ma c’è un sito che si chiama “Airbnb” (https://www.airbnb.it/) che permette di organizzarsi, tra chi può offrire un alloggio, e chi cerca un posto per dormire, condividendo il tutto e guadagnando e risparmiando entrambi. Magari conoscevate già questo sito, perché, da questo vostro sito direi che siete per la Sharing Economy. Infatti continuo a ringraziarvi infinitesimamente per questo sito, per il mondo che naturalmente vuole prosperare, per tutte le persone che cercano informazioni, e per quelle che le condividono. La condivisione è fondamentale. Internet è fondamentale. Grazie dunque a tutte queste cose, e alle persone che l’anno permesso.
    Vlad

     
    • Caro Vlad, come ti dicevo per email, rispondere a tuuuutto non ce la faccio…altrimenti starei qui come minimo mezza giornata 😀 E al momento sono molto impegnata con eventi che sto organizzando sul web e qui a Vilcabamba 😀 Spero tu possa capire….

      Comunque innanzitutto GRAZIE MILLE dei complimenti!!! In questo sito c’é tanta passione e dedizione, ore ore (anni) di lavoro, di scrittura, di ricerca…. sono immensamente felice tu possa apprezzare cosí tanto. Grazie!

      L’attivitá fisica di cui parlo e pratico di chiama calistenia e sono esercizi a corpo libero. Ti consiglio di andare a vederti su YouTube questo grande atleta di calistenia vegano: Frank Medrano…un portento!

      Per quanto riguarda le proteine: hai giá letto questo mio articolo? http://ildragoparlante.com/proteine-da-dove-le-ottengono-i-vegetariani-vegani-e-crudisti/
      Per quanto riguarda l’attivitá fisica e come nutrirsi prima-durante-dopo lo sport: hai giá letto quest’altro mio articolo? http://ildragoparlante.com/importanza-di-fare-attivita-fisica-quale-quando-quanta-cosa-mangiare-prima-durante-dopo-allenamento/

      La prossima settimana pubblicheró un nuovo articolo intitolato “Hanno gli atleti piú bisogno di proteine??” Ti potrebbe essere d’interesse!

      Ti mando un caro saluto, continua cosí con la tua curiositá, prova, fai esperimenti sul tuo corpo e rimani in ascolto di esso 🙂
      Serena

       
      • Ahahaha! Che pasticcione a scrivere tutto a mucchio in questo modo! Devo averti affaticato parecchio, e ti chiedo scusa. L’unica scusante è che mi sono sentito così libero a farlo.
        Beh, non è per offendere, ma non mi aspettavo nulla di meglio. Mi hai risposto in poco tempo, linkandomi blog interessantissimi (senza essere ancora andati a vederli, ne sono sicuro comunque) (e non sgridandomi per la lunghezza!!), e sì, la prossima volta farò domande specifiche, mi auguro anche in modo chiaro.
        Poi oggi è una giornata bellissima. Adoro sempre di più questa alimentazione fatta da frutta e verdura. Rispetto il mio corpo, ed egli mi ringrazia con evidenti cambiamenti (ad esempio la pelle è più liscia e morbida xD)
        Ti ringrazio davvero per tutto, nuovamente. A presto (viva i mini-messaggi)
        V

         
        • Perfetto Vlad, sono felice tu mi abbia capita 😀 Anche perché sono sicura sei davvero un bravo ragazzo, il quale semplicemente ha tanta curiositá e voglia di migliorarsi!
          Un caro saluto! A presto 😉
          Serena

           
  8. Cara Serena !sono un neofita ma mi sono innamorata dei tuoi video e dei tuoi articoli …. Sto cercando di capire cosa devo fare per seguire la parte di questa filosofia che si occupa dell’alimentazione ! Ho 51 anni senza patologie , amo la vita in tutte le sue sfaccettature ,ho una splendida figlia di 25 anni che sto portando con me in questa “scoperta” ed un marito che da carnivoro è diventato vegetariano ! Grande conquista !! Vorrei avere da te ,se possibile ,uno schema di una settimana alimentare in modo da non fare errori !! 🌻🌺🌸💐🌷🌾🌼🍁🌹🌞🌙⛅️🐖🦃🐉🐾e la naturaaaaaa un bacio Carmen da Bologna

     

LASCIARE UNA RISPOSTA