Video YT – Detergente atossico fatto in casa

Video YT – Detergente atossico fatto in casa

5046
8
QUOTA

Ciao a tutti! Igiene di dentro e igiene di fuori. Noi non vogliamo inserire tossine nel nostro corpo, giusto? E neanche esternamente dovremmo entrare in contatto con prodotti tossici. L’anno scorso in Bolivia mi é stato insegnato come fare un prodotto detergente naturale fatto in casa. Io lo uso da piú di un anno…per pulire i pavimenti, i bagni, la tavola di legno….e ne sono cosí soddisfatta che voglio condividere questo segreto con voi. A voi il video!

E qui un articolo che avevo scritto precedentemente, con una proposta per un dentifricio naturale fai da te. Buona visione e lettura!

+Iscriviti (in basso a detsra) al Blog de ildragoparlante.com per ricevere aggiornamenti sui nuovi articoli
Connettiamoci sulla pagina Facebook
E vediamoci anche sul canale YouTube de ilDragoParlante ;D

Iscrivetevi…vi aspetto 🙂

Un voto per il tuo parere:

8 COMMENTI

    • Urcaaa… non saprei 🙂 Qui si possono comprare dei saponi naturali in polvere per lavare i vestiti. Ci sarà questa possibilità anche li?

       
  1. Spero di si, cercherò! 🙂 e per i piatti?
    Anche per quanto riguarda corpo e capelli in doccia cosa usi?
    Comunque Serena sei fantastica, rispondi a tutti i commenti! Si vede che ci tieni 🙂 grazie per questo e per guidarmi in questo percorso che mi sta facendo bene come non mi sarei aspettata! Sono ancora all’inizio, ti faró sapere tra un po’ di tempo, se ti va ^^
    Un bacio grande da Roma!!

     
    • Ciao Giuli! Per i piatti idem… qui fanno delle “paste” di olio di cocco e saponi naturali. Per le saponette anche non ci sono problemi, le producono qui degli angeli al 100% natural. Per lo shampoo cerco di prendere il più naturale che trovo, anche se non sempre mi soddisfa! Comunque so di ragazze che utilizzano con successo la farina di ceci oppure l’argilla di ghassoul! Comunque fossi in Europa andrei dal biologico facendo un po’ attenzione agli ingredienti, lì sicuramente hanno dei prodotti buoni.

      Certamente ci tengo! Ti tengo tantissimo a tutti voi <3 Se non rispondo è perché non vedo o sono davvero impegnata... ma poi rispondo anche se fosse con ritardo 🙂
      Mi farà un sacco piacere sapere di tue notizie in futuro... tienimi aggiornata!

      Un caldo abbraccio via FedEx a Roma!
      Serena

       
  2. Ciao Serena,
    Grande questo pulitutto!
    L’ho appena preparato e mi sono sorti due dubbi..
    1. Gli oli essenziali che raccomandi vanno aggiunti solo quando si versa la dose nel bicchiere oppure già nel contenitore principale dopo aver filtrato il liquido?
    2. Il numero di gocce che indichi nel video in quale proporzione si usa? E’ valido per 1 litro di liquido ad esempio? Io al momento ho usato 1 goccia di malaleuca + 1 di limone per 100 ml di liquido. Ha un buon profumo e sembra pulire davvero bene, ma in questa proporzione disinfetta abbastanza secondo te?
    Grazie mille per tutti i tuoi consigli e buona giornata.
    Se scopri anche un buon detersivo per i piatti…. ne conosco tanti ma non mi convincono…
    Un abbraccio dall’Italia
    Sonia (igienista sheltoniana)

     
    • Ciao Sonia! Fantastico 😀
      Ti dirò, questo è il mio detergente preferito in assoluto… lo utilizzo ormai da 5 anni per pulire tutta la casa (dai pavimenti alle superfici) e ne sono felicissima! Al massimo ogni tanto aggiungo anche un po’ di aceto bianco.

      1. Gli oli essenziali li aggiungi direttamente nel contenitore che utilizzerai per pulire – dopo aver filtrato il liquido.
      2. Non ti so dare le quantità precise, ma non ci sono regole fermissime. Io ad esempio riempio un bel contenitore grande, il secchio intero per capirci. Ci verso un bel po’ di liquido (quello al limone/agrumi) e poi un 10-15 gocce (non conto nemmeno) dell’olio di malaleuca e se ne ho un altro anche di quello, circa una decina.

      Puoi fare delle prove, ma non c’è un “giusto-sbagliato” assoluto 🙂

      Per quanto riguarda il detersivo per piatti, io ne compro uno biologico/ecologico direttamente al supermercato, perché come te quelli fatti a mano non mi hanno ancora convinta. Eccetto, qui a Vilcabamba c’è un albero che fa delle specie di “noci” (lo chiamiamo “l’albero del sapone” – penso sia proprio una “noce saponifera”). Una volta un’amica mi ha portato diverse noci di quest’albero che ho semplicemente bollito in acqua e filtrato e utilizzato per lavare i piatti. Ha funzionato bene! Però è un problema se non hai le noci sempre a disposizione e poi c’è il problema che il detergente va a male ogni 2 settimane, quindi vuol dire più lavoro e pensieri…
      Io risolvo quindi con uno il più ecologico possibile. Tanto lo utilizzo pure poco perché se mangio solo frutta lavo anche senza detergente e via 😉

      Un abbraccio!

       

LASCIARE UNA RISPOSTA