Focus: l’hai perso? Come raggiungere i tuoi obiettivi e sogni di lungo...

Focus: l’hai perso? Come raggiungere i tuoi obiettivi e sogni di lungo termine

1129
10
QUOTA
dipendenza cellulare

Ti sei mai trovato a voler iniziare un nuovo progetto, leggere un libro, fare un corso, suonare un nuovo strumento musicale, imparare una nuova lingua, cambiare dieta, dimagrire, migliorare la salute, cambiare carriera o sviluppare un’impresa commerciale? Hai sentito l’entusiasmo di quando inizi a fare qualcosa di nuovo, solo per fermarti dopo qualche settimana o addirittura qualche giorno?

Non ti frustra non essere in grado di completare o raggiungere con successo gli obiettivi che ti sei prefissato? Non ti sembra di correre in circolo, facendo sempre le stesse attività, dando la priorità a cose che non ti portano da nessuna parte? Hai perso di vista i sogni, gli obiettivi e i desideri che ti danno vita e anima? Hai perso la concentrazione?

La malattia del nuovo millennio

Soffriamo di una nuova, potente e grande malattia in questo secolo: la mancanza di… FOCUS.

In questo articolo vedremo la differenza tra attività, realizzazione e l’illusione che alcune attività ci danno, che ci fanno pensare che stiamo raggiungendo degli obiettivi solo perché fanno scattare il ciclo di ricompensa della dopamina, creando un’illusoria sensazione di “successo”. Anche se in realtà non stiamo ottenendo nulla. Lasciami spiegare…

Congratulazioni!

Se riesci a leggere questo articolo fino alla fine….

Senza scorrere verso il basso….

Sperando di estrarre ciò che pensi siano le informazioni succose che renderanno la tua vita migliore.

Congratulazioni!

Anche se ho veramente dei dubbi che lo farai….

Probabilmente sei già alla fine dell’articolo.

Se sei invece ancora qui con me…. complimenti. Trarrai grandi benefici da questa lettura.

L’Era dell’Informazione ci ha bombardato con così tanti input che stiamo perdendo la nostra capacità di rimanere FOCALIZZATI! Non stiamo assimilando alcuna informazione. Non stiamo interiorizzando o elaborando ciò che stiamo leggendo. Non prestiamo più ATTENZIONE. Siamo così preoccupati dall’enorme quantità di scelte, informazioni e processi decisionali quotidiani, che possiamo facilmente essere sopraffatti, trascurati o persi in questo oceano di possibilità infinite. Senza un obiettivo utile o un sogno su cui concentrarsi, senza un impegno portato a termine, la vita può perdere il suo scopo.

E ti puoi sentire come una pecorella smarrita. La maggior parte si sente così. Senza scopi, senza obiettivi. E poi non c’è da stupirsi se mezzo mondo gira come galline senza testa chiedendosi: qual è lo scopo della mia vita??? Cosa sto facendo?

Cos’è il successo?

Il successo è la realizzazione progressiva di un sogno meritevole. Le persone che avranno successo in questa era sono coloro che rimarranno FOCALIZZATI, che sanno cosa vogliono, dove vogliono andare e capiscono la differenza tra attività e realizzazione.

Se non conosci la differenza tra l’attività e il risultato, potresti finire in circolo facendo sempre la stessa cosa aspettandoti risultati diversi (Einstein direbbe che sei un pazzo!). Se anche tu ti ritrovi ad essere infelice, perché stai facendo sempre le stesse cose. Senza risultati. Magari sei uno di quelli che hanno fatto tanti bei propositi a gennaio. E a febbraio già hai capito che sei un fallimento. Che non ce la farai. Come tutti gli anni passati…
Hai creato un ciclo di feedback negativo che può sembrare un inferno.

La prima cosa che devi sapere è la differenza tra attività e realizzazione. Il miglior modo per spiegarlo è con una storia.

La Processionaria del Pino

Le processionarie del pino sono piccole creature interessanti. Al loro stato di larva/bruco si muovono assieme e in fila indiana. La cosa caratteristica è che se metti questi bruchi in un cerchio, semplicemente si seguiranno a vicenda per ore e ore, giorni e giorni. In effetti, potresti mettere del cibo nel mezzo del cerchio e continueranno a marciare fino a morire di fame! Anche se il cibo è proprio lì, continuano ad andare in tondo, a vuoto.

Il motto della storia è questo: non confondere l’attività con la realizzazione di uno scopo.

Così tante persone sono così occupate a girare in tondo, pensando che se andassero più velocemente otterranno di più. Hanno meno tempo perché corrono in cerchio senza ottenere nulla. Ripetono la stessa cosa ogni giorno, diventando più frustrati, stanchi, persi, confusi e infelici. Lo hanno fatto per così tanto tempo che hanno dimenticato perché lo stavano facendo in primo luogo. Queste persone hanno confuso l’attività con la realizzazione. Ma perché succede?

Il centro del piacere del cervello

Probabilmente già sai che la dopamina (neurotrasmettitore) nel cervello è responsabile per farti provare piacere e divertimento, ed è la ragione per cui ti senti motivato a cercare determinate cose nella vita come cibo, sesso e droghe. Tuttavia, recenti ricerche stanno cambiando questa visione…

Invece, sembrerebbe che la dopamina ti da piacere nel ricercare e volere determinate cose. Aumenta il livello generale di eccitazione e voglia nella ricerca della soddisfazione e il comportamento orientato al raggiungimento degli obiettivi. Capire questo è fondamentale per la prospettiva evolutiva, perché è ciò che ti mantiene motivato mentre ti muovi attraverso il mondo. E non muori prima del previsto. E’ ciò che ti da voglia di imparare e sopravvivere. La dopamina non solo ti fa venir voglia di mangiare e fare sesso, ti rende anche curioso di nuove idee e stimola la tua capacità di cercare nuove informazioni


Il circuito di dopamina

Con internet, i social media e i messaggi di testo, ora puoi provare la soddisfazione immediata del tuo desiderio di ricerca. Ogni volta che la campanellina di Facebook suona, ogni Like, ogni Twit, ogni condivisione ti da un “kick”.

Ed è facile entrare in un ciclo vizioso.

La dopamina ti fa cercare. Vieni premiato per la ricerca e questo ti fa cercare di più. Questo rende sempre più difficile smettere di guardare e-mail, inviare messaggi o controllare il tuo smartphone per vedere se hai ricevuto un nuovo messaggio o quanti Likes hai ottenuto sulla tua ultima foto.

Il sistema della dopamina non ha un meccanismo di sazietà integrato, il che rende possibile continuare a volere sempre di più. Questo è ciò che ti fa continuare a cercare anche se hai già trovato le informazioni che stavi cercando. Quante volte hai cercato qualcosa su google, hai trovato la risposta, ma mezz’ora dopo ti rendi conto che stai ancora cercando altre informazioni? Quante volte guardi il telefono non appena senti la campanellina d’avviso?

Il fatto è che le aziende tecnologiche sanno quello che stanno facendo e lo stanno facendo apposta. L’editorialista del New York Times, David Brooks, ha scritto: “Le aziende tecnologiche comprendono ciò che causa la sovratensione della dopamina nel cervello e confondono i loro prodotti con “tecniche di dirottamento” che ci attirano e creano “cicli compulsivi“. (1)

Che si tratti di Facebook, Instagram, Twitter, searchwebs, Whatsapp, giochi o molte altre app e dispositivi, sfruttano tutti il circuito della dopamina per farci divertire, e tornare, e guardare, e commentare, e postare, e, e, e. È la stessa tecnica usata per le slot machine quando si gioca. E può creare vera hard-core dipendenza!

Il potere della dopamina nell’alterazione delle abitudini è già noto ai tossicodipendenti e ai fumatori. Ogni sostanza che tende a formare una dipendenza, dalle anfetamine alla cocaina, dalla nicotina all’alcool, influenza il sistema dopaminico disperdendo molte volte più dopamina del normale. L’uso di queste droghe scavalca i percorsi neurali che collegano il circuito della ricompensa alla corteccia prefrontale, i quali aiutano le persone a domare gli impulsi. Più si fa uso di una sostanza, più difficile diventa smettere.

focus, cellulari, dopaminaSi è calcolato che l’adulto medio negli Stati Uniti spende 2-4 ore al giorno toccando, digitado e scorrendo i propri dispositivi. Il che equivale a circa 2600 tocchi al giorno! (2) Ciò equivale a quasi 950.000 tocchi all’anno. Ragazzi, stiamo parlando di stare 1-2 mesi (24/7) all’anno con le mani sul telefono!! Se poi aggiungiamo la quantità di tempo che trascorriamo guardando la televisione e stando sul computer, ci rendiamo rapidamente conto di quanta parte della nostra vita è spesa per l’intrattenimento tecnologico. Questo non include nemmeno l’uso della tecnologia per lavoro.

Lo scopo del gioco è questo … Quello che può attirare e trattenere maggiormente la tua attenzione, vince. Ora, se diventi consapevole di questo e non ti importa che ti stia accadendo intenzionalmente, prendendo una grossa fetta di tempo dalla tua vita mortale, allora stai bene.

Tuttavia, se vuoi ottenere di più nella tua vita e riuscire a realizzare i tuoi sogni, questo è quello che devi fare:

Realizza che sei in controllo

Devi capire che il più cadi in questo sfruttamento dei circuiti naturali di dopamina, più riduci la tua capacità di concentrazione e di attenzione. Stai perdendo il tuo FOCUS, per ricevere il tuo prossimo kick. Questo perché sarai già alla ricerca successiva prima ancora di aver completato l’obiettivo della ricerca precedente. Stai così dando via il tuo potere. Perché quando torni alla vita “normale”, quella “reale”, il tuo cervello non è più in grado di focalizzarsi a lungo termine. E’ allenato alla ricompensa immediata.

Puoi usare la tecnologia come strumento o diventare schiavo della tecnologia, con il suo utilizzo. Questo è vero con molte altre cose nella vita che dovrebbero aiutarti piuttosto che abusare dei meccanismi naturali di sopravvivenza all’interno della nostra biologia. Se ti fa andare in delirio, se ti fa sentire che la vita sta perdendo il suo scopo, se sei insoddisfatto, inizia a capire che hai il controllo e hai il potere di decidere di usare il tuo tempo prezioso in modo diverso . E il modo in cui lo fai è …

1. Decidi su cosa vuoi concentrarti

Che si tratti di perdere peso, stare bene, imparare a suonare un nuovo strumento, iniziare un’attività imprenditoriale, essere più connessi e centrati su se stessi, fare un corso, viaggiare, lavorare come volontario, creare la casa dei tuoi sogni, fare giardinaggio, passare più tempo con la tua famiglia, escursioni, ecc. Devi prima decidere cosa vuoi.

Esercizio: Prendi un pezzo di carta e trascorri 10 minuti a pensare e scrivere quello che vuoi fare della tua vita. Quali obiettivi vuoi raggiungere?

Fatto? Bene.

Questo è piuttosto semplice. Lo fai ogni anno scommetto! Ma poi “ti perdi”…

2. Rallenta

Uno dei motivi per cui ti senti come se non arrivassi da nessuna parte è perché stai andando troppo veloce per assorbire o creare davvero qualcosa. La vita ha i suoi ritmi. I suoi tempi. C’è bisogno di concentrazione e focus quando si vuole realizzare un obiettivo. Ricorda,

Non è ciò che mangi ma ciò che digerisci che ti rende forte; non è ciò che guadagni, ma ciò che risparmi che ti rende ricco; e non è ciò che impari, ma ciò che ricordi che ti rende saggio.

 

Il modo per farlo è rallentare e prestare attenzione. Così tante persone sfogliano tonnellate di informazioni cercando di elaborare tutti i dati con cui sono bombardati, senza trattenere quasi nulla. Leggono ma non pensano a quello che hanno letto. Sono così di fretta. Così lanciati a fare, fare e fare, senza completare nulla. Busy idiots! Si dice in inglese.

La maggior parte delle persone che ha letto fin qui, siamo sicuri, non si sono nemmeno presi il tempo per fare l’esercizio e scommettiamo che l’80% è già saltato all’ultimo paragrafo … Sei focalizzato? Stai prestando attenzione?? Stai decidendo cosa vuoi??? Vuoi riprendere il controllo della tua capacità di mettere a fuoco e di manifestare la tua realtà? Perché stai leggendo questo?

STOP.

Pensaci.

RALLENTA.

Datti il tempo di chiedere tutto ciò al tuo subconscio, poi aspetta la risposta. Ma, come? Ah già,  non hai tempo…. Sei troppo impegnato…. A fare che? Nulla. Busy idiot!

Questa non è una gara. Non raggiungi il traguardo essendo il più veloce, perché non c’è un traguardo. Questa è l’illusione del ciclo della dopamina. Fai un respiro profondo. Inspirare… espirare. Ora leggi di nuovo questo paragrafo e RALLENTA. Hai il controllo … PUOI FARLO. Ma ti devi concentrare. Fosse anche su una minima cosa. Fosse anche leggere questo benedetto articolo, dall’inizio alla fine.

Puoi farlo?

Sicuro!

Lo rileggerai?

Probabilmente no.

Ed è PER QUESTO che non raggiungi nulla o quasi nella vita. E’ per questo che fallisci di continuo, o ti perdi…

CONCENTRATI.

3. Non puoi gestire il tempo ma puoi gestire le tue priorità

Pensaci. Non puoi gestire il tempo ma puoi gestire le tue priorità. Invece di concentrarti sul tempo che hai a disposizione, pensa: cosa è più importante per me in questo momento? Quando hai messo a fuoco le tue priorità, inizierai a riordinare la tua giornata in modo diverso. Otterrai più risultati perché sei concentrato su ciò che deve essere fatto e non sul bla bla bla.

4. Impegnati in attività che ti avvicinino ai tuoi obiettivi

Questo potrebbe sembrare ovvio, ma sarai sorpreso di quante persone non lo fanno. Questo è l’unico componente chiave che ti impedirà di essere un bruco di una processionaria del pino. Ogni giorno dedica almeno un po’ del tuo tempo a un’attività che ti avvicini ai tuoi obiettivi, sogni e missione nella vita.

Prendi l’abitudine di fare attività che ti fanno smettere di girare in circolo, che espandono la tua consapevolezza, che ti sfidano, che nutrono la tua anima e ti spronano alla tua vera realizzazione. Fai cose nella vita che sono memorabili. Vuoi guardare un giorno indietro la tua vita e dire “Ho vissuto!” Quando sei sul tuo letto di morte non penserai a tutte le incredibili foto a cui messo Mi Piace sul telefono…

5. Gratificazione ritardata

Questa è la componente finale nell’equazione. Si chiama gratificazione ritardata. Significa essere in grado di aspettare prima di essere gratificato. A differenza della gratificazione immediata (circuito della dopamina), la gratificazione ritardata richiede di rimanere concentrati, di essere pazienti, di essere impegnati e disciplinati e di perseverare nel raggiungimento dei propri obiettivi e sogni. Anche se non da piacere immediato. È una delle ragioni principali per cui le persone di successo raggiungono i loro sogni!

Hanno una stabilità di messa a fuoco. Sono in grado di rimanere concentrati su una visione, anche se ci vogliono 5-10 anni per raggiungere l’obiettivo. Come ha detto Tony Robbins, “le persone sopravvalutano ciò che possono ottenere in un anno e sottovalutano ciò che possono ottenere in un decennio“.

Tutte le persone fantastiche alle quali aspiriamo hanno sogni che richiederebbero tre vite per realizzarsi. Mahatma Gandhi, Nelson Mandela, Abraham Lincoln, Paramahansa Yogananda, Madre Teresa, Nikola Tesla, Dr. Herbert Shelton, Florence Nightingale e molti altri ancora. Erano concentrati su qualcosa più grande di loro. Comprendevano il potere della gratificazione ritardata, rimanendo concentrati e impegnati.

Anche tu hai quel potere. Puoi farlo. Come diceva Napoleon Hill, “qualunque cosa la mente dell’uomo possa concepire e portare a credere, può ottenere“.

 

Referimenti:

1. Brooks D. How Evil is Tech?. The New York Times. https://www.nytimes.com/2017/11/20/opinion/how-evil-is-tech.html. Published November 20, 2017. Accessed February 1, 2019.
2. Winnick M. Putting a finger on our phone obsession. Dscout. https://blog.dscout.com/mobile-touches. Published June 16, 2016. Accessed February 1, 2019.

 

Unisciti anche tu al Blog de ilDragoParlante, inserendo la tua mail in alto a destra, cosí da non perderti i prossimi articoli, ricette ed eventi! Connettiamoci anche sulla pagina Facebook, il mio sito LaSerenaSalute.com e vediamoci sul canale YouTube de ilDragoParlante

Un voto per il tuo parere:

10 COMMENTI

  1. Ciao e grazie per l’articolo che ho trovato molto interessante e incoraggiante. Sapresti indicarmi gentilmente alcune strategie per svegliarsi la mattina in un orario decente? Grazie 🙂

     
    • Ciao! Ehm… dipende da cosa intendi ad un orario “decente”. Fatto è che non è possibile “dormire troppo”. Il corpo sa quanto necessita per recuperare… Semmai al giorno d’oggi dormiamo troppo poco!
      Il miglior modo per svegliarsi bene è quello di non accumulare troppe tossine nel corpo, non sovraccaricarlo di stress, non stimolarlo con eccitanti. Poi puoi dormire con una finestra aperta (anche di poco) per avere un buon flusso d’aria e più ossigeno di notte. Mangiare più sano, fresco e crudo…

      Un corpo pulito e sano avrà bisogno di dormire di meno. Quindi io punterei su quello 🙂

      Un caro saluto!

       
  2. Interessantissimo ! Grazie, non lo sapevo. Soltanto con informazioni come queste possiamo difenderci. Conoscevo lo sfruttamento del meccanismo della dopamina, da parte delle aziende alimentari, che riporto … magari può essere utile. Costruiscono cibi a tavolino ad hoc con un mix perfetto di zucchero sale e grassi. Sono i cibi ” irresistibili” come la nutella ma anche crackers e altri cibi apparentemente normali, proprio perché determinano il rilascio di dopamina al massimo chiamato “bliss point” soltanto che poi per ottenere quello stesso piacere massimo devi o aumentare la quantità o la frequenza. Ecco il perché le malattie cardio vascolari l’obesità il diabete e tante altre sono diventate ormai delle epidemie. Ancora grazie.

     
    • Grazie a te Antonella del commento! 🙂

      Sì, è risaputo l’effetto di zucchero, sale e grassi sulla dopamina… ma pure con la tecnologia ci fregano ora! E’ tragicomico…

      Alla fine, solo il sapere, la corretta informazione e una presa di coscienza ci possono fare da scudo.

      Un caro saluto dall’Ecuador!
      Serena

       

LASCIARE UNA RISPOSTA