4 ricette vegane ben combinate ...

4 ricette vegane ben combinate 5/5 (1)

6598
6
QUOTA

In questo articolo vediamo 4 ricette vegane che seguono una buona combinazione alimentare. Questo post è dedicato a Barbara, una mamma che sta attenta alla sua alimentazione e a quella dei suoi cari. Lei si nutre prevalentemente di alimenti crudi che cerca di condividere il piú possibile con i suoi familiari. Ma se mangiare solo crudo è giá difficile per se, è anche vero che far da mangiare cotto per gli altri puó risultare ancora piú difficile! E spesso non si ha voglia di preparare qualcosa “extra”, di diverso, per se stessi e si tende a mangiare ció che è stato preparato per gli altri. Ecco qui 4 deliziose ricette vegane per te e la tua famiglia che a me e a Nick piacciono molto! Per chi non conoscesse ancora le combinazioni alimentari, puó tornare a questo articolo esplicativo con tabella scaricabile in formato A4.

  • Zuppa di patate e porri (la ricetta preferita di mio papá!)
  • Tortino di patate e verdure
  • Insalata di ceci con salsa di melanzane al forno
  • Pasta al farro con zucchine e gomasio (Carbonara Vegana)

 

1) Zuppa di patate e porri
Questa ricetta è piaciuta cosí tanto a mio papá che continua a mangiarla anche in estate 😀 Il segreto di questa ricetta è usare delle patate buone… come ho imparato da un programma di cucina: “…per fare una buona zuppa di patate…ci vogliono le patate buone!” Logico no? 😉
Comprate patate biologiche e utilizzate anche la buccia!

Ingredienti per 1 persona
3 patate medio-grandi a cubettoni
1 porro grande tagliato fino
1/2 dado vegetale senza glutammato
Sale q.b.

Preparazione – Mettere patate, porri e dado in una pentola e aggiungere tanta acqua fino a ricoprire le patate. Portare ad ebollizione e cucinare finché le patate si fanno morbide (ca. 20-30 minuti). Frullare quindi metá delle patate e dei porri con la loro acqua, e ricongiungere con il resto. Aggiustare di sale se necessario.

 

2) Tortino di patate e verdure

ricette-vegane

Questa ricetta mi è stata richiesta piú volte, specialmente dopo aver letto l’articolo sul cambiamento di mio papá in Ecuador Come mio papá é ringiovanito di 15 anni. È arrivato il momento di pubblicarla 😀

Ingredienti per una teglia
1.5 kg di patate bio con la buccia
1 broccolo tagliato fino fino
1 carota grattugiata
2 zucchine grattugiate
Aromi: erba cipollina – basilico – prezzemolo tritati
Sale gomasio o origano
Olio evo q.b.
Sale q.b.

Preparazione – Bollire le patate. Una volta cotte, usare la metá per la base, tagliando le patate a fettine di circa ½ cm. Preparare un puré di patate con l’altra metá: schiacciarle con la loro buccia con un schiacciapatate, aggiungendo un po’ di sale e dell’acqua calda fino ad ottenere un puré grossolano.
In una padella o una pentola mettere le verdure e gli aromi, aggiungere un po’ di acqua (giusto un goccino), portare ad ebollizione e cucinare per qualche minuto. Le verdure devono solo “cedere” un po’, ma rimanere croccanti. Salare a piacere.
Preparare il tortino: Ungere una teglia leggermente di olio evo. NB: Se le verdure che avete cotto hanno rilasciato molta acqua potreste anche decidere di non ungere la teglia. Disporre le fettine di patate come base, spargere le verdure e premerle bene, finire con lo strato di puré di patate. Schiacciare con una forchetta e finire o con una crosticina di gomasio o con dell’origano. Infornare in forno caldo a 180° per 15-20 minuti.

 

3) Insalata di ceci con salsa di melanzane al forno
Questa ricetta mi piace particolarmente perché presenta i legumi in modo molto colorato e divertente e non ha bisogno di olio per la cottura. La combinazione tra verdure cotte e crude rendono la ricetta meno pesante, piú nutriente e facile da digerire. Chiaramente si possono scambiare le verdure con quelle di stagione e preferite dalla famiglia 😉

Ingredienti per 2-3 persone
200g di ceci secchi
1 melanzana
1 peperone rosso a cubetti
1 peperone giallo a cubetti
½ broccolo a cimette
1 zucchina a cubetti
Sedano tagliato fino (facoltativo)
Prezzemolo tritato q.b.
Sale q.b.
Olio evo q.b. (facoltativo)

Preparazione – Reidratare i ceci per una notte e bollire fino a cottura (20-30 minuti).
Per la salsa – In un forno preriscaldato a 180° mettere la melanzana intera e cucinare per 20-30 minuti (se la melanzana è piccola bastano 20-25 minuti, ma se è grande potrebbero volerci anche 40 minuti). Una volta cotta tagliare in due e frullare il contenuto con del sale. Ci si potrebbero aggiungere anche delle erbe tipo basilico o prezzemolo o aglio orsino.
Cucinare al vapore il broccolo e le zucchine (si potrebbero anche lasciare crudi). Io metto in un pentolino un goccino di acqua, porto a ebollizione, inserisco le verdure e tappo per 7 minuti). Pronto.
In una terrina versare i ceci cotti, le verdure al vapore e crude, il prezzemolo e salare a piacere. Condire con la salsa di melanzana e, volendo, un filo di olio evo a crudo.

 

4) Pasta al farro con zucchine e gomasio (Carbonara Vegana)
La pasta alla carbonara mi è sempre piaciuta….e come potrebbe essere il contrario?? É pasta con pancetta (grassi animali), uova (grassi animali) e…. formaggio (indovinate? Grassi animali.). Una fucilata per la salute. Quando ho smesso di mangiare carne, la pasta alla carbonara é diventata off-limit, almeno finché la mia cara zietta Marika mi ha presentato la carbonara vegetariana, ossia al posto della pancetta ci metteva le zucchine… illuminazione!! Ora che evito piú che posso anche uova e latticini, ho trovato un’alternativa alla famosissima pasta, secondo me alla pari di questa, e ho creato una “carbonara vegana”. L’ingrediente per fare una carbonara vegana ad hoc sarebbe la tahina, una crema di sesamo. La tahina aggiunta alla pasta a fine cottura dona un’incredibile cremositá, simile a quella della panna, ed ha un retrogusto di uovo…perfetto per lo scopo della carbonara. Siccome la tahina pura non sarebbe una buona combinazione con la pasta (la pasta è un carboidrato e la tahina é da considerarsi un grasso concentrato), in questo articolo propongo il suo scambio con del sale gomasio, il quale ha al suo interno l’intero seme del sesamo (non solo la parte grassa, ma anche la fibra). Anche cosí é una pasta eccezionale!!

Ingredienti per 1 persona
80-120g di pasta al farro
1 zucchina tagliata a rondelle o mezzelune fine
½ porro tritato (o erba cipollina)
½ cucchiaio di sale gomasio
Olio evo q.b.
Sale per l’acqua della pasta

Preparazione – Cucinare la pasta come suggerito sulla confezione. Riscaldare una padella capiente, aggiungere l’olio e il porro tritato, soffriggere dolcemente per un paio di minuti, versare le zucchine e cucinare per qualche altro minuto, finché non si ammorbidiscono. Quando la pasta è cotta scolare e versare in padella, mescolare con il gomasio.

Scambiate la pasta di farro con quella di quinoa o di riso per un risultato senza glutine.
E per voi audaci, provate anche la mia carbRAWnara…ossia la pasta alla carbonara crudista cliccando su questo link… buonissima 😀

Spero che queste ricette vegane piacciano sia a voi, che alla vostra famiglia, tanto quanto piacciono a noi…ve le dedico con tanta passione!

Unisciti anche tu al Blog de ilDragoParlante, inserendo la tua mail in alto a destra, cosí da non perderti le prossime ricette, articoli ed eventi! Connettiamoci anche sulla pagina Facebook e vediamoci sul canale YouTube de ilDragoParlante

Please rate this

6 COMMENTI

  1. Ciao, questa sera ho preparato la zuppa di ceci condita con la melanzana cotta al forno. Ho lasciato il resto delle verdure crude ed ho scambiato i broccoli con il cavolfiore semplicemente perché l’avevo in casa. È una ricetta squisita che ripeterò sicuramente. Grazie dei tuoi ottimi consigli. Ciao

    • Grazie a te Michela per aver lasciato questo commento e avermi fatto sapere delle tue delizie culinarie! 😀
      Felicissima questo post ti abbia ispirato a creare questa variazione!

      Ti auguro un sereno week-end!
      Serena

  2. Ciao serena!!

    Qualche giorno fa ho provato il tortino di patate e verdure…Squisito!!!
    Ho usato gli ingredienti che tu dai nella ricetta più un po’ di cavolfiore, perché di broccoli non ne avevo abbastanza… Ho spolverato lo strato superiore con un po’ di origano e quelche foglia di basilico e poi alle verdure ho aggiunto un po’ di aglio e cipolla tagliuzzati finemente (lo so che igienisticamente non é proprio il massimo, ma adoro aglio e cipolla… 🙂 )
    Ho cotto a 120° (invece dei 180 della ricetta) in forno ventilato e dopo 20 minuti la crosticina sullo strato superiore era già lí, dorata e croccante 🙂

    Pensavo anche ad una variante usando al posto delle patate la zucca (sia per lo strato inferiore, sia cotta al vapore e poi frullata fino a farne un puré da usare per lo strato superiore); cosa ne pensi?

    Un abbraccio

    Giuseppe

    • Ciao Giuseppe… ottima variante, gnamm!!! Queste ricette vegane sono per dare ispirazione, ma poi ognuno è libero di riadattarle come crede, hai fatto benissimo 😀
      L’idea della zucca al posto delle patate mi sembra buonissima! Quando la fai magari fammi sapere com’è venuta, magari ci aggiungiamo alla pagina la “Variante Di Giuseppe” 😀

      Ti saluto con calore e ti auguro buona domenica!
      Serena

  3. Ciao Serena!

    Un paio di giorni fa ho provato la “variante Giuseppe” 🙂 del tortino, con la zucca al posto dele patate
    Il risultato mi é piaciuto molto.
    Ti dico come ho fatto.
    Per lo strato inferiore ho usato zucca cotta al vapore e tagliata a listelle.
    Per lo strato superiore ho frullato zucca e barbabietola rossa entrambe cotte al vapore (la barbabietola deve cuocere un po’ di più della zucca altrimenti rischia di essere troppo dura per il frullatore) e ho aromatizzato con orgigano e basilico.
    Per lo strato intermedio ho usato zucchina broccoli, cavolfiore en un po’ di fagiolini che mi erano rimasti in frigo da qualche giorno, tutti cotti al vapore. Ovviamente ho aggiunto un po’ di aglio e cipolla triturati 😉
    Ho infornato il tutto per 20 minuti a 120° e solo gli ultimi 5 minuti ho portato la temperatura a 180°.
    La zucca conferisce un sapore molto delicato, e poi con la barbabietola é una vera esplosione di colori 🙂
    Ho trovato questa variante un po’ più digeribile di quella con le patate, ma é giusto una sensazione personalissima.
    L’unico neo per me é che la crosticina superiore risulta meno croccante della versione con le patate…

    Un saluto e un abbraccio

    Giuseppe

    • Ma che buonaaaa!!! Direi fantastica, da provare anche questa variante 😀
      Grazie Giuseppe!
      Anche a te un abbraccio!

LASCIARE UNA RISPOSTA